Vasto mare, mio rumoroso amico d'infanzia che mi dai riposo e mi culli perché la tua voce non è umana e non può un giorno bisbigliare a orecchie umane le mie debolezze.


vasto-mare-mio-rumoroso-amico-d'infanzia-che-mi-dai-riposo-e-mi-culli-perché-tua-voce-non-è-umana-e-non-può-un-giorno-bisbigliare-a-orecchie-umane
fernando pessoavastomaremiorumorosoamicod'infanziachemidairiposoculliperchétuavocenonumanapuòungiornobisbigliareorecchieumanemiedebolezzevasto maremio rumorosorumoroso amicoamico d'infanziad'infanzia cheche mimi daidai riposoriposo ee mimi culliculli perchéperché lala tuatua vocevoce nonnon èè umanaumana ee nonnon puòpuò unun giornogiorno bisbigliareorecchie umaneumane lele miemie debolezzemio rumoroso amicorumoroso amico d'infanziaamico d'infanzia ched'infanzia che miche mi daimi dai riposodai riposo eriposo e mie mi cullimi culli perchéculli perché laperché la tuala tua vocetua voce nonvoce non ènon è umanaè umana eumana e none non puònon può unpuò un giornoun giorno bisbigliarebisbigliare a orecchiea orecchie umaneorecchie umane leumane le miele mie debolezze

Amico mio questo non è un monologo, ma un dialogo perché sono certo che mi senti e mi rispondi. La tua voce è nel mio cuore, nel cuore di questa Napoli che è venuta a salutarti, a dirti grazie perché l'hai onorata. Perché non l'hai dimenticata mai, perché sei riuscito dal palcoscenico della tua vita a scrollarle di dosso quella cappa di malinconia che l'avvolge. Tu amico hai fatto sorridere la tua città, sei stato grande, le hai dato la gioia, la felicità, l'allegria di un'ora, di un giorno, tutte cose di cui Napoli ha tanto bisogno. I tuoi napoletani, il tuo pubblico è qui. Ha voluto che il suo Totò facesse a Napoli l'ultimo 'esaurito' della sua carriera e tu, tu maestro del buonumore, questa volta ci stai facendo piangere tutti. Addio Totò, addio amico mio. Napoli, questa tua Napoli affranta dal dolore vuole farti sapere che sei stato uno dei suoi figli migliori e non ti scorderà mai. Addio amico mio, addio Totò. (dall'orazione funebre di Totò; citato in lastoriadinapoli. it; audio ascoltabile su YouTube)Sono perfetti nelle mie imperfezioni, felice nel mio dolore, forte nelle mie debolezze e bella a modo mio, perché io sono io Sono perfetti nelle mie imperfezioni, felice nel mio dolore, forte nelle mie debolezze e bella a modo mio perché io sono io.Amico mio, tu e io rimarremo estranei alla vita, e l'uno all'altro, e ognuno a se stesso, fino al giorno in cui tu parlerai e io ascolterò, ritenendo che la tua voce sia la mia voce; e quando starò zitto dinanzi a te pensando di star ritto dinanzi a uno specchio.