Un angelo è quello che sa volare e che ti porta in paradiso, ma ti accorgi che non sa più volare, ha perso la voglia di farlo. Il suo tempo è finito, qualcosa gli impedisce di farlo, se sarà cosi vorremmo ricordarlo così com'era, quando sapeva volare con le sue ali dorate.


un-angelo-è-quello-che-volare-e-che-ti-porta-in-paradiso-ti-accorgi-che-non-più-volare-ha-perso-voglia-di-farlo-il-suo-tempo-è-finito-qualcosa
giovanni scatolinounangeloquellochevolaretiportainparadisoaccorginonpiùvolarehapersovogliadifarlosuotempofinitoqualcosagliimpediscefarlosesaràcosivorremmoricordarlocosìcom'eraquandosapevaconsuealidorateun angeloangelo èè quelloquello cheche sasa volarevolare ee cheche titi portaporta inin paradisoma titi accorgiaccorgi cheche nonnon sasa piùpiù volareha persoperso lala vogliavoglia didi farloil suosuo tempotempo èè finitoqualcosa gligli impedisceimpedisce didi farlose saràsarà cosicosi vorremmovorremmo ricordarloricordarlo cosìcosì com'eraquando sapevasapeva volarevolare concon lele suesue aliali dorateun angelo èangelo è quelloè quello chequello che sache sa volaresa volare evolare e chee che tiche ti portati porta inporta in paradisoma ti accorgiti accorgi cheaccorgi che nonche non sanon sa piùsa più volareha perso laperso la vogliala voglia divoglia di farloil suo temposuo tempo ètempo è finitoqualcosa gli impediscegli impedisce diimpedisce di farlose sarà cosisarà cosi vorremmocosi vorremmo ricordarlovorremmo ricordarlo cosìricordarlo così com'eraquando sapeva volaresapeva volare convolare con lecon le suele sue alisue ali dorate

C'è un angelo che viene dal paradiso, e per caso ha conosciuto un mortale al quale ha concesso le sue ali, preziose, belle, ali che solo quell'angelo poteva avere... quest'angelo un giorno decise che non sarebbe più tornato in paradiso, perché aveva conosciuto la felicità. Un brutto giorno la felicità svanì e si trasformò in sofferenza, perché il mortale andò lontano. L'angelo però non si dispera, perché spera che un giorno se pur lontano il mortale torni e insieme di nuovo, potranno volare con le ali e riassaporare la felicità... il mortale tornerà perché l'angelo gli ha concesso la cosa più pura e preziosa... fidandosi e amandolo.Quando trovi un uccellino con le ali rotte e lo curi, lo fai sentire ancora in grado di volare. Non puoi pretendere che ti resti accanto. Deve volare.Angelo è colui che ti avvolge tra le sue ali e che ti fa volare.Quando cade troppa umidità sulle ali di una farfalla, quest'ultima non può più volare. Allora il piacere è questo: l'umidità. E quando vedo un uomo che non può più essere sorretto dalle sue ali (simbolicamente parlando), non serve che io gli chieda dov'è andato a cacciarsi, in quanto so che ha esposto le sue ali all'umidità. Per me l'umidità possiede un significato molto chiaro: impedisce di volare. E per asciugarsi alla luce, occorre molto tempo. Perciò credetemi non lasciatevi ingannare dal piacere che vi bloccherà lungo il cammino... Andate avanti finché raggiungerete la luce! Naturalmente, sono certo che molti di coloro che leggeranno o ascolteranno queste spiegazioni riguardanti il piacere si sorprenderanno e proveranno anche un certo malcontento dinanzi ad una simile mostruosità.Nel momento in cui dubiti di poter volare, perdi per sempre la facoltà di farlo. Il motivo per cui gli uccelli, a differenza degli esseri umani, sono in grado di volare, risiede nella loro fede incrollabile, perché avere fede vuol dire avere le ali.Tutti hanno un paio di ali, ma solo chi sa sognare impara a volare... Grazie a te posso finalmente volare perché nessuno mi fa sognare quanto te!