Ti guardavo dormire, avevi gli angeli dentro.


ti-guardavo-dormire-avevi-gli-angeli-dentro
arturo minellitiguardavodormireavevigliangelidentroti guardavoguardavo dormireavevi gligli angeliangeli dentroti guardavo dormireavevi gli angeligli angeli dentroavevi gli angeli dentro

Angeli tristi, smarriti, camminano sulla nuda terra, avendo perso la facoltà di volare, ma non di sentirsi ancora angeli nel profondo. Angeli oscuri, solitari, piegati dal peso ingiusto della vita, essendo vittime inconsapevoli di eventi manovrati dal truce destino. Sono angeli maledetti, gli angeli dannati!Io non posso sapere come siano gli angeli in cielo, ma da quando ho visto te so come sono gli angeli sulla terra.Ricordo la prima volta che ti ho vista. Avevi due trecce invece che una. Quando hai cantato, a lezione di musica, l'insegnante disse 'Chi conosce la Canzone della Valle?' e tu subito mano alzata. Dopo quella volta, ti guardavo sempre ritornare a casa. Ogni giorno. (Peeta)Guardavo quei bei pesci muoversi nell'acqua, guardavo i maialini appesi agli uncini e pensavo a come, a parte la miseria e la fame, l'uomo ha sempre trovato strane giustificazioni per la sua violenza carnivora nei confronti degli altri esseri viventi. Uno degli argomenti che vengono ancora usati in Occidente per giustificare il massacro annuo di centinaia di milioni di polli, agnelli, maiali e bovini è che per vivere si ha bisogno di proteine. E gli elefanti? Da dove prendono le proteine gli elefanti?È stato l’orgoglio che ha trasformato gli angeli in diavoli; è l’umiltà che rende gli uomini uguali agli angeli.Era l'orgoglio che ha cambiato angeli nel diavoli è l'umiltà che rende gli uomini come gli angeli.