Non sono mai stato in spiaggia, per arrivarci dovevo passare davanti a un bar e mi sono sempre fermato prima di raggiungere l'acqua.


non-sono-mai-stato-in-spiaggia-per-arrivarci-dovevo-passare-davanti-a-un-bar-e-mi-sono-sempre-fermato-prima-di-raggiungere-l'acqua
george bestnonsonomaistatoinspiaggiaperarrivarcidovevopassaredavantiunbarmisemprefermatoprimadiraggiungerel'acquanon sonosono maimai statostato inin spiaggiaper arrivarciarrivarci dovevodovevo passarepassare davantiun barbar ee mimi sonosono sempresempre fermatofermato primaprima didi raggiungereraggiungere l'acquanon sono maisono mai statomai stato instato in spiaggiaper arrivarci dovevoarrivarci dovevo passaredovevo passare davantidavanti a una un barun bar ebar e mie mi sonomi sono sempresono sempre fermatosempre fermato primafermato prima diprima di raggiungeredi raggiungere l'acquanon sono mai statosono mai stato inmai stato in spiaggiaper arrivarci dovevo passarearrivarci dovevo passare davantipassare davanti a undavanti a un bara un bar eun bar e mibar e mi sonoe mi sono sempremi sono sempre fermatosono sempre fermato primasempre fermato prima difermato prima di raggiungereprima di raggiungere l'acquanon sono mai stato insono mai stato in spiaggiaper arrivarci dovevo passare davantidovevo passare davanti a unpassare davanti a un bardavanti a un bar ea un bar e miun bar e mi sonobar e mi sono sempree mi sono sempre fermatomi sono sempre fermato primasono sempre fermato prima disempre fermato prima di raggiungerefermato prima di raggiungere l'acqua

Non sono mai stato in spiaggia, per arrivarci dovevo passare davanti a un bar e mi sono sempre fermato prima di raggiungere l'acqua. [fonte 2]A quel punto avevo bisogno di bere, non riuscivo ad averne abbastanza. E niente mi avrebbe fermato, nemmeno quando Angie cominciò a nascondere le chiavi della macchina e tutti i nostri soldi. Se non li trovavo, uscivo a piedi e camminavo anche per undici o dodici chilometri per trovare un bar e se non avevo soldi in tasca, mi sedevo e aspettavo finché uno degli habitué non mi riconosceva e mi offriva da bere. Diventai un vagabondo da spiaggia: c'erano delle notti che dormivo veramente sulla spiaggia. (pp. 199-200)Non ho lottato per niente nella vita. Non ho sofferto e versato lacrime per poi non raggiungere niente. Non ho aspettato il momento giusto per poi non sfruttarlo. No, mi sono spaccata sempre il culo ogni volta che dovevo farlo. Mi sono messa in gioco, vincendo e perdendo ma l'ho fatto! Adesso? Non sono Dio, ma nemmeno una 'qualunque'!Non ho mai smesso di credere nei miei sogni, anche se sono difficili da raggiungere, sono come il corso d'acqua che arriva al fiume per raggiungere il mare. Nulla mi può fermare, neanche le avversità della vita, perché io credo nei miei sogni.Quali sono le persone che vanno a fare? Licenziami? Sono stato licenziato prima. Non prenotare me? Sono stato senza lavoro prima. Non mi interessa.Oggi sono stato in un bar ho chiesto qualcosa di caldo e mi hanno dato un cappotto.