Citazioni Fisionomia

Citazioni Fisionomia: Ogni angelo ha la sua particolare fisionomia, ma tutti sono ugualmente belli. -Padre Lamy


ogni-angelo-ha-sua-particolare-fisionomia-tutti-sono-ugualmente-belli
Citazioni Fisionomia: Impari col tempo che hai gli occhi non per guardare, ma per dare fisionomia a ciò che senti col cuore. -Simona Sena


impari-col-tempo-che-hai-gli-occhi-non-per-guardare-per-dare-fisionomia-a-ò-che-senti-col-cuore
Citazioni Fisionomia: Gli amici, come le consorti, ci sono in salute e in malattia, in ricchezza e povertà, in idiozia e riflessione. Il resto è uno sfilare di comparse di cui non si ha memoria che della fisionomia. -Carlo Peparello


gli-amici-come-consorti-sono-in-salute-e-in-malattia-in-ricchezza-e-povertà-in-idiozia-e-riflessione-il-resto-è-uno-sfilare-di-comparse-di-cui
Citazioni Fisionomia: Oggi lo scontro assume una fisionomia diversa: invece di voler rinchiudere l'uomo in una prigione, la donna si sforza di sfuggirne; non cerca più di trascinarlo nel regno dell'immanente, ma di emergere, lei, alla luce del trascendente. Adesso l'atteggiamento del maschio, che non vede di buon occhio queste iniziative, crea un nuovo conflitto. -Simone de Beauvoir citazione


Citazioni Fisionomia: Un eterno divenire, una corsa senza fine, ecco la caratteristica con cui si manifesta l’essenza della volontà. Di tal natura sono infine gli sforzi e i desideri umani, che ci fanno brillare innanzi la loro realizzazione come fosse il fine ultimo della volontà; ma non appena soddisfatti, cambiano fisionomia; dimenticati, o relegati tra le anticaglie, vengono sempre, lo si confessi o no, messi da parte come illusioni svanite. -Arthur Schopenhauer


Citazioni Fisionomia: Allora si guardava con più ostinazione, cercando con la forza della volontà di cancellare la fisionomia della madre, di sottrarla, così da far rimanere solo ciò che era lei stessa. Quando ci riusciva era un momento di ebbrezza l'anima saliva sulla superficie del corpo come quando un equipaggio irrompe dal ventre della nave, riempie tutto il ponte di coperta, agita le mani verso il cielo e canta. -Milan Kundera