Tu lo sai bene: non ti riesce qualcosa, sei stanco e non ce la fai più. E d'un tratto incontri nella folla lo sguardo di qualcuno - uno sguardo umano - ed è come se ti fossi accostato a un divino nascosto. E tutto diventa improvvisamente più semplice.


tu-lo-sai-bene-non-ti-riesce-qualcosa-sei-stanco-e-non-fai-più-e-d'un-tratto-incontri-nella-folla-lo-sguardo-di-qualcuno-uno-sguardo-umano-ed
andrej tarkovskijlosaibenenontiriescequalcosaseistancofaipiùd'untrattoincontrinellafollasguardodiqualcunounoumanoedcomesefossiaccostatoundivinonascostotuttodiventaimprovvisamentepiùsemplicetu lolo saisai benenon titi riesceriesce qualcosasei stancostanco ee nonnon cela faifai piùe d'und'un trattotratto incontriincontri nellanella follafolla lolo sguardosguardo didi qualcunoqualcunounouno sguardosguardo umanoumanoeded èè comecome sese titi fossifossi accostatoun divinodivino nascostoe tuttotutto diventadiventa improvvisamenteimprovvisamente piùpiù semplicetu lo sailo sai benenon ti riesceti riesce qualcosasei stanco estanco e none non cenon ce lace la faila fai piùe d'un trattod'un tratto incontritratto incontri nellaincontri nella follanella folla lofolla lo sguardolo sguardo disguardo di qualcunodi qualcunouno sguardouno sguardo umanosguardo umanoed èed è comeè come secome se tise ti fossiti fossi accostatoaccostato a una un divinoun divino nascostoe tutto diventatutto diventa improvvisamentediventa improvvisamente piùimprovvisamente più semplice

Guardare, sfiorare, ricordare: uno sguardo è proprio così, è una carezza che diviene ricordo. Capita di incrociare uno sguardo e capita, anche, che questo diventi desiderio. Sembra più sogno che realtà, sembra sfuggente. È un semplice sguardo che si allontana man mano che ti avvicini; è distante e, forse, difficile da ritrovare. Allora, ne cerchi un altro per non sentirti solo, per essere in compagnia, per rivivere, almeno, l'emozione dello sguardo. Capita che un semplice sguardo diventi parola, che la parola diventi emozione, che l'emozione ricordi lo sguardo.A volte basta incrociare uno sguardo per capire che tutto sta per cambiare. Uno sguardo che ti fa sentire diversa, non giudicata ma solo stimata. Sono quelle persone che incontri raramente nella vita, ma quando le incroci spesso non c'è ritorno.Come sarebbe più semplice la vita se agissimo sempre come i bambini, con le loro parole candide e sorrisi puliti. Come sarebbe tutto più facile se non dovessimo sempre e per forza agire per piacere agli altri, ma trovare rassicurante il nostro stesso sorriso, puro e semplice, di fronte ad uno specchio. Come sarebbe tutto più reale, se fosse condito da meno parole affettuose ma da più vivi gesti d'amore. Basterebbe uno sguardo, un gesto, un buffetto, un pensiero sincero per capire che siamo importanti. Basta poco davvero.Nella vita ci sono incontri che vorresti non aver mai fatto e poi ci sono quegli incontri che vorresti rifare sempre. E tu sorridi perché lo sai, sai che i tuoi occhi sono ciò che il mio sguardo vorrebbe incontrare ancora e ancora.Quegli occhi dicevano tutto, parlavano al cuore, uno sguardo romantico, uno sguardo d'amore.È la potenza primordiale del suo suono, capace di sbriciolare la roccia più coriacea, di vestire di lacrima il suo nome, di accendere uno sguardo grigio. Le sue carezze non passano mai di moda, un continuo erogare amore senza mai chiedere. Le mie dita coprono le rughe di un viso stanco, attraversano capelli ormai bianchi, ma lo sguardo resta sempre quello, dolcezza immersa nella malinconia, due occhi che cercano luce nei miei. Mamma.