Nel corso della mia vita io capii che a niente più servivo. Nulla più importava, la morte mi attendeva; le corsi incontro, lanciandomi da un ponte e, con braccia alate, spiccai il mio volo libero nell'aria amica. La ragione mi abbandonò e quel vuoto immenso mi avvolse col suo manto, stava per inghiottirmi, nel suo silenzio avrei voluto annullarmi, ma, in quell'istante, un angelo mi afferrò e, con le sue braccia forti, lontano dall'abisso mi trascinò. Salvò la mia anima, aprì i miei occhi e mi mostrò, attraverso i suoi, com'è straordinaria la vita. Non seppi mai il suo nome né vidi mai il suo volto, ma so che, grazie a lui, io vivo, respiro, amo ancora e, chiunque sia, per sempre lo porterò nel cuore.


nel-corso-della-mia-vita-io-capii-che-a-niente-più-servivo-nulla-più-importava-morte-mi-attendeva-corsi-incontro-lanciandomi-da-un-ponte-e-con
ivan nichettinelcorsodellamiavitaiocapiichenientepiùservivonullaimportavamortemiattendevacorsiincontrolanciandomidaunponteconbracciaalatespiccaimiovololiberonell'ariaamicaragioneabbandonòvuotoimmensoavvolsecolsuomantostavaperinghiottirminelsilenzioavreivolutoannullarmiinquell'istanteangeloafferròsuefortilontanodall'abissotrascinòsalvòanimaaprìmieiocchimostròattraversosuoicom'èstraordinariavitanonseppimainomevidivoltosochegrazieluivivorespiroamoancorachiunquesiasempreloporteròcuorenel corsocorso delladella miamia vitavita ioio capiicapii cheniente piùpiù servivonulla piùpiù importavala mortemorte mimi attendevale corsicorsi incontrolanciandomi dada unun ponteponte econ bracciabraccia alatespiccai ilil miomio volovolo liberolibero nell'arianell'aria amicala ragioneragione mimi abbandonòabbandonò equel vuotovuoto immensoimmenso mimi avvolseavvolse colcol suosuo mantostava perper inghiottirminel suosuo silenziosilenzio avreiavrei volutovoluto annullarmiin quell'istanteun angeloangelo mimi afferròafferrò econ lele suesue bracciabraccia fortilontano dall'abissodall'abisso mimi trascinòsalvò lala miamia animaaprì ii mieimiei occhiocchi ee mimi mostròattraverso ii suoicom'è straordinariastraordinaria lala vitanon seppiseppi maimai ilil suosuo nomenome néné vidividi maimai ilil suosuo voltoma soso cheio vivoamo ancoraancora echiunque siaper sempresempre lolo porteròporterò nelnel cuorenel corso dellacorso della miadella mia vitamia vita iovita io capiiio capii cheche a nientea niente piùniente più servivonulla più importavala morte mimorte mi attendevale corsi incontrolanciandomi da unda un ponteun ponte econ braccia alatespiccai il mioil mio volomio volo liberovolo libero nell'arialibero nell'aria amicala ragione miragione mi abbandonòmi abbandonò eabbandonò e quele quel vuotoquel vuoto immensovuoto immenso miimmenso mi avvolsemi avvolse colavvolse col suocol suo mantostava per inghiottirminel suo silenziosuo silenzio avreisilenzio avrei volutoavrei voluto annullarmiun angelo miangelo mi afferròmi afferrò econ le suele sue bracciasue braccia fortilontano dall'abisso midall'abisso mi trascinòsalvò la miala mia animaaprì i mieii miei occhimiei occhi eocchi e mie mi mostròattraverso i suoicom'è straordinaria lastraordinaria la vitanon seppi maiseppi mai ilmai il suoil suo nomesuo nome nénome né vidiné vidi maividi mai ilmai il suoil suo voltoma so chegrazie a luiamo ancora eper sempre losempre lo porteròlo porterò nelporterò nel cuore

Ho cercato il mio eroe, l'ho cercato nei passi della mia vita. Camminavo con la realtà negli occhi ed il suo viso nella mente. L'avevo sognato quell'eroe, non aveva volto, ma sentivo il cuore tremare dentro il sogno. Ho inseguito quell'immagine che l'anima mi regalava nella notte. Ho cercato il mio eroe senza mai incontrarlo ed ora l'inverno prende i miei respiri, ma nel mio cuore so che in questa o nella prossima vita l'incontrerò e saprò riconoscere i suoi occhi, perché l'anima non sa mentire e mi lascerà entrare in lui.Nella vita siate come un Fiore, poiché nel suo divenire si trasformerà in un frutto che maturando tra le braccia della morte ha nel suo 'Cuore' il seme della Vita.Ho sfiorato il tuo cuore per sentire il suo rumore. Ho abbracciato in silenzio la sua anima. Ora so che le tue ali sono pronte per volare lontano da me. Liberale dalle corde della vita e vola. Sii libero di allontanarti, lanciati a capofitto in quel cielo così blu per te. Vai, non temere il vuoto, se cadrai ci saranno le sue braccia ad accoglierti. Vola anima mia. Vola verso un sogno che non dà dolore.Lui è nel mio cuore e non riuscirò mai a toglierlo dalla mia anima e come se senza di lui la mia vita non fosse completa. Ma lui non potrà mai amarmi e questa è la realtà e ogni volta mi lascia senza respiro e le mie certezze crollano con la ragione. Avrei voluto stargli vicino quando era solo, avrei voluto vivere i suoi momenti di gioia e di dolore, avrei voluto esserci, essere presente. Vorrei non esistesse questo silenzio, vorrei non ricordare che la paura mi ha allontanato dal vivere veramente l'amore. E ora cosa sono per lui? Un ricordo tornato realtà che sta ferma li ad ascoltare che le sua vita è andata avanti con un'altra donna. Passerà, il tempo lenisce ogni cosa o forse non sarò mai capace di mostrargli tutto ciò che sento e ho sempre sentito. Ora ciò che mi ritrovo e una dolce musica jazz che finirà di suonare non appena tornerò e vedrò la realtà.Amo ascoltare ciò che mi sussurrano i capelli di una donna, amo leggere ciò che scrivono le sue mani sul mio corpo, amo viaggiare nei suoi occhi che mi accompagnano nel giardino della sua anima, amo scivolare sui suoi baci che mi donano atterraggi di passione, amo tuffarmi nel suo cuore per sentirmi l'unica goccia del suo oceano, amo sognare che essa esista.Stava lì, con lo sguardo rivolto a ricordi che, prepotentemente, riaffioravano dal suo cuore. Un cuore che aveva preceduto la mente. Nell'irrequietezza di quel silenzio, i suoi occhi dolcemente si socchiusero. Ma non si curò di quali pensieri avrebbero turbato il suo riposo, certa che la mente avrebbe incontrato il suo cuore, trovando lui.