Io sono il Primo e l'Ultimo e il Vivente. Io ero morto, ma ora vivo per sempre e ho potere sopra la morte e sopra gli inferi.


io-sono-primo-e-l'ultimo-e-vivente-io-ero-morto-ora-vivo-per-sempre-e-ho-potere-sopra-morte-e-sopra-gli-inferi
giovanni evangelistaiosonoprimol'ultimoviventeeromortooravivopersemprehopoteresopramortegliinferiio sonosono ilil primoprimo ee l'ultimol'ultimo eil viventeio eroero mortoora vivovivo perper sempresempre ee hoho poterepotere soprasopra lala mortemorte ee soprasopra gligli inferiio sono ilsono il primoil primo eprimo e l'ultimoe l'ultimo el'ultimo e ile il viventeio ero mortoma ora vivoora vivo pervivo per sempreper sempre esempre e hoe ho potereho potere soprapotere sopra lasopra la mortela morte emorte e soprae sopra glisopra gli inferiio sono il primosono il primo eil primo e l'ultimoprimo e l'ultimo ee l'ultimo e ill'ultimo e il viventema ora vivo perora vivo per semprevivo per sempre eper sempre e hosempre e ho poteree ho potere sopraho potere sopra lapotere sopra la mortesopra la morte ela morte e sopramorte e sopra glie sopra gli inferiio sono il primo esono il primo e l'ultimoil primo e l'ultimo eprimo e l'ultimo e ile l'ultimo e il viventema ora vivo per sempreora vivo per sempre evivo per sempre e hoper sempre e ho poteresempre e ho potere soprae ho potere sopra laho potere sopra la mortepotere sopra la morte esopra la morte e soprala morte e sopra glimorte e sopra gli inferi

Ogni volta che vedo la fotografia di un cacciatore che sorride sopra la sua vittima, resto sempre impressionato dalla schiacciante superiorità morale ed estetica dell’animale morto rispetto a quello vivente.Il potere che la luna ha sopra le maree è lo stesso che l’adrenalina ha sopra le emozioni: adrenaluna.Ma non amo i tuoi piedi se non perché camminarono sopra la terra e sopra il vento e sopra l’acqua, fino a che m’incontrarono.Quando la scienza, l'arte, la letteratura, e la filosofia sono semplici manifestazioni della personalità, e sono ad un livello tale da raggiungere gloriosi e bizzarri obiettivi, rendono il nome di un uomo vivo per centinaia di anni. Ma sopra questo livello, molto al di sopra, separati da un abisso, si trova il livello dove le cose più alte sono ottenute. Queste cose sono essenzialmente anonime.Quand’ero ragazzo era un fatto corale. Moriva un vicino di casa e tutti assistevano, aiutavano. La morte veniva mostrata. Si apriva la casa, il morto veniva esposto e ciascuno faceva così la sua conoscenza con la morte. Oggi è il contrario: la morte è un imbarazzo, viene nascosta. Nessuno sa più gestirla. Nessuno sa più cosa fare con un morto. L’esperienza della morte si fa sempre più rara e uno può arrivare alla propria senza mai aver visto quella di un altro.